XVII Meeting della cittadinanza piena e universale nel 40° anniversario dalla beatificazione di Bartolo Longo

“Uomini sorgivi per il Compimento della Storia”

“In Risveglio profondo nel cambiamento d’Epoca

denso di Speranza per una Solidarietà Universale”

Il XVII Meeting della Cittadinanza Piena e Universale, nonostante i limiti e i condizionamenti risaputi del “male” che continuano a preoccupare la vita dell’umanità intera, si svolge ugualmentein questo mese di ottobre, dedicato alla Beata Vergine del Rosario e al Suo Figlio, il Beato Bartolo Longo, tanto devoto da innalzarLe un Santuario e la stessa Città accogliente e solidale della Nuova Pompei.

Ad annunciare l’Evento, voluto e sostenuto da Don Franco Galiano, dall’Ottobre 2002, è stato lo stesso fondatore che a questaedizione diciassettesima, ha voluto dare il Tema “Uomini sorgivi per il Compimento della Storia”, e che, come lui stesso ha spiegato, “richiama il percorso del Ventennio di Studi e approfondimenti sulla figura del Beato, sulle ragioni istitutive della stessa Opera Bartolo Longo nella terra delle sue origini, come la Vita e Famiglia, Salute, Riabilitazione e Socializzazione, Urgenza Educativa nello spirito della Pedagogia Bartoliana”.

“Nella situazione di cambiamento d’epoca – precisa Don Franco –  maturato dal dopoguerra alla fine del II Millennio,e determinato con risolutezza inattesa dalla pandemia, il XVII Meeting della Cittadinanza Piena e Universale invita a vivere l’Evento del Quarantesimo Anniversario della beatificazione di B. Longo,come uncontributo al Risveglio alla vita vera e a una ripresa del cammino della Storia umana, denso di Speranza per una Solidarietà Universale”.

“La vita e la testimonianza del Beato, quale uomo illuminati e credente, sono state “sorgive” per Grazia e per Virtù, in un territorio caratterizzato da profonda povertà e miseria umana e sociale, tanto da riconoscergli universalmente un ruolo straordinario diprofetico precursore nella lettura e nelle risposte elle esigenze del suo tempo; e non solo, ma anche per l’epoca che verrà.”

Il XVII Meeting, in questo Ottobre Bartoliano 2020, vuole essere momento riflessivo sulla società fermando lo sguardo a questo periodo pandemico in cui la globalizzazione ha dimostrato i suoi effetti non solo volgendosi verso uno sviluppo indefinito ma mostrando vulnerabilità e fragilità del sistema di progresso attuale.

Il movente primario del Meeting è il Ricordo, la Memoria e il Riconoscimento della “Figura Sorgiva di Vita e Testimonianza del Beato Bartolo Longo” e a Lui viene dedicata la Copertina e il cuore dello stesso Meeting, con la Giornata commemorativa del Quarantennale della sua Beatificazione.

Un meeting diverso, quindi, che vedrà gran parte degli interventi fruibili online a tutela della sicurezza di tutti i partecipanti ma che, seppur con strumenti nuovi, continua a solcare il percorso tracciato sin dall’inizio verso una Cittadinanza che tuteli identità e diritti di tutti e di ciascuno così come l’impegno del Beato in cui troviamo ispirazione mai ha lasciato indietro nessuno perché come ha ricordato Papa Francesco nell’enciclica FratresOmnes citando Paolo VI “Tutto ciò che è umano ci riguarda!”

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO