Villaggio turistico prendeva abusivamente acqua di mare per la sua piscina: denunciato l’amministratore

Non conosce sosta l’attenzione della Guardia Costiera sugli illeciti perpetrati a danno dell’ambiente, a tutela dell’ecosistema marino e del relativo habitat.

A seguito di una lunga attività di indagine, svolta dal Nucleo Operativo Polizia Ambientale (N.O.P.A) Sezione di Brindisi, in località Lamaforca del comune di Carovigno, i militari individuavano un tubo in PVC di colore giallo lungo 30 metri, in parte interrato lungo il demanio marittimo e parte disteso sulla scogliera, collegato attraverso una pompa elettrica che terminava in una piscina del noto villaggio turistico.

La piscina presente all’interno del villaggio, nella quale veniva riversata l’acqua marina, tramite l’impianto di collettamento in parte posizionato abusivamente su area demaniale marittima, attivo al momento dell’accertamento mediante una pompa elettrica di aspirazione, risultava essere di circa 21 mt X 36 mt, profonda per un massimo di circa mt 1,30, distante dalla linea che demarca il demanio marittimo circa 9 mt.. La piscina, risultava al momento dell’accertamento piena per circa 700 metri cubi di acqua di mare (circa 700.000 lt.).

Constatato la mancanza della concessione prevista dall’articolo 51 del Codice di Navigazione, cioè: “Nell’ambito del demanio marittimo e del mare territoriale, l’ estrazione e la raccolta di arena, alghe, ghiaia o altri materiali è sottoposta alla concessione del capo del compartimento”, i militari denunciavano l’amministratore del villaggio per furto di acqua marina (BENE DELLO STATO ITALIANO) e per l’occupazione di area demaniale tramite impianto di captazione.

 Il sequestro effettuato del Nucleo Operativo Polizia Ambientale (N.O.P.A), rientra nelle attività finalizzate a prevenire e reprimere il deturpamento ambientale, e delle bellezze naturali e storiche di tutte quelle aree sottoposta a tutela.

1 COMMENTO

  1. Va beh. E vero che vero. Ma mi sembra davvero troppo esagerato. Furto di acqua marina proprietà dello stato. Ma per favore! Se furto è portare via un bene a qualcuno e che non è tuo, siamo tutti ladri, quando usciamo dall’acqua, siamo intrisi di acqua, dico poco cento grammi. Ogni volta che si esce. E la portiamo via che poi evapora al sole non centra, ma la portiamo via.