VIDEO – Parco Bove: dopo una lunghissima trattativa, la famiglia sarà trasferita temporaneamente in un residence

Si e’ conclusa senza conseguenze la protesta della famiglia di che si era barricata nella sua casa di Parco Bove, impedendo lo sgombero coatto da parte di polizia locale, forze dell’ordine e vigili del fuoco. Dopo una lunghissima trattativa, il Comune di Brindisi – nelle persone dell’assessore Mauro Masiello ed Isabella Lettori – si e’ impegnato a pagare il soggiorno in un residence per due mesi ai genitori e ai due figlioletti che occupavano abusamente un alloggio della baraccopoli del rione Paradiso. Il Comune ha anche chiesto all’associazione casa Betania di ospitare la famiglia nel periodo successivo. La famiglia in questione non ha purtroppo diritto, a differenza di altre, ad uno degli alloggi appena terminati sempre al rione Paradiso perche’ non e’ riuscita a dimostrare di occupare quella catapecchia abusiva da almeno dieci anni. Lo sgombero e’ dunque ripreso, Parco bove sarà presto raso al suolo, probabilmente in autunno.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO