Ortoressia…. ecco cosa è

Contrariamente ad altri miei colleghi o ad altre figure che si occupando di nutrizione, nella maggior parte dei miei schemi dietetici, i pazienti non trovano pesi e misure.

Spiego sempre, che diversi studi scientifici, hanno dimostrato che pesare gli alimenti, rappresenta un “ fattore predittivo” di abbandono della dieta. Questo perché, la difficoltà nel pesare gli alimenti, rende ancora meno accettata una dieta, e ciò fa sì che il paziente, abbandoni il percorso, ancora prima di arrivare all’obiettivo finale. Inoltre, lo stress che ne deriva, aumenta la produzione endogena di cortisolo, che non aiuta a perdere peso, anzi. L’ultima motivazione è che non è tanto importante la quantità di alimenti che si assume, quanto la qualità e la giusta associazione.Un’alimentazione corretta fa bene. Ma se la scelta del cibo e la pianificazione dei pasti diventano un’ossessione, questo potrebbe creare più di un problema.

Esiste una vera e propria patologia: l’ortoressia.

Il termine deriva dal greco orthós, che significa giusto o corretto, e òrexis, che significa appetito, e indica una preoccupazione maniacale per la qualità del cibo consumato, tale da arrivare a imporsi regole alimentari sempre più strette, psicologicamente e fisicamente malsane, che possono portare a malnutrizione, perdita di peso e causano isolamento sociale.

Gli ortoressici , infatti, arrivano a rifiutare inviti a cena o al ristorante, per non consumare piatti preparati da altri, nel timore che non siano abbastanza sani. Un team di ricercatori italiani, coordinato da Lorenzo Maria Donini, docente di Scienza dell’alimentazione alla Sapienza di Roma, ha addirittura, elaborato un test diagnostico. Si chiama Orto-15 ed è un questionario per valutare la presenza di comportamenti ossessivi riguardo a scelta, acquisto, preparazione e consumo degli alimenti. Dico sempre a tutti i miei pazienti, che lo schema dietetico, deve essere una educazione alimentare, più che una dieta. Questo, in tutte le fasi della terapia dietetica, sia di attacco, che di proseguimento, che di mantenimento.

Dott.ssa Emanuela Giannuzzo 

Via Cristoforo Colombo, 92

Laureata in medicina e chirurgia

Specializzata in Medicina estetica e Nutrizione Clinica

Medico abilitato alla urgenza ed Emergenza territoriale

Via Cristoforo Colombo, 92

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO