Martiri delle Foibe, Azione Studentesca Brindisi: “Alcune cose non ce le raccontano”

BRINDISI – Riceviamo e pubblichiamo nota di Azione Studentesca Brindisi, a firma di Jacopo Sticchi, sul ‘Giorno del Ricordo’.

“Il 10 Febbraio – si legge nella nota – non è mai un giorno come tutti gli altri, non può esserlo per noi. Non possiamo infatti dimenticare i ventimila nostri fratelli assassinati dai partigiani jugoslavi di Tito in collaborazione con i comunisti italiani, i padri ideologici di coloro che oggi blaterano l’accoglienza, ma che a guerra finita respingevano, a calci e sputi, gli esuli istriani, dalmati e giuliani impedendo loro di rientrare in Italia, che era la loro Patria, la terra di cui portavano il nome, la cultura e la lingua. Donne, bambini, anziani hanno perso la propria vita con la colpa di essere italiani, una vera e propria puliza etnica, ma il sangue innocente dei nostri connazionali non sarà mai dimenticato e la verità non sarà mai infoibata nonostante istruzione e associazioni partigiane minimizzino i fatti nascondendo verità storiche, in nome del pensiero unico, per non sporcare la memoria dei falsi ”eroi” della resistenza.  Tutto questo non ce lo raccontano, è la storia della nostra gente e della nostra Nazione: conoscila, difendila e pretenderne il ricordo!”.

LASCIA UN COMMENTO