“Integrazione scolastica, per ora solo fumo negli occhi”

carmela lomartire
L'avv. Carmela Lo Martire

Quella del servizio di integrazione scolastica è una storia mai iniziata perché ad oggi manca il progetto. Non c’è alcuna delibera approvata della Giunta di centrosinistra guidata dal sindaco Riccardo Rossi. Manca ancora l’atto di indirizzo politico nonostante ci sia stato un impegno assunto dinanzi al prefetto, Valerio Valenti, dopo il bando di gara.

A questo punto credo che siano dovute le spiegazioni. Cosa è successo? Perché questo ritardo? Rivolgo queste domande allo stesso primo cittadino, dopo aver messo in conto che il nuovo assessore Isabella Lettori, titolare anche della delega alla Pubblica istruzione, non abbia ancora avuto modo e tempo di occuparsi dell’integrazione scolastica.

Vero è che è stato assunto un accordo con la previsione di tre ore di lavoro, da aggiungere alle 27, per arrivare al completamento del monte settimanale previsto. Tre ore, pare, che si vorrebbero far svolgere nei centri di aggregazione giovanile, i Cag di Brindisi. Ma rischia di essere vanificato tutto. Parole. Solo parole, allo stato attuale. Atti, invece, pari a zero.Verba volant, scriptamanent, dicevano i latini. Quindi, non cadiamo nella trappola di scambiare le promesse per fatti…..Soprattutto quando questi fatti interessano lavoratori e bambini disabili .

La (triste) conferma è arrivata in sede di commissione consiliare, quando ho chiesto al dirigente competente per settore, Costantino del Citerna, spiegazioni sull’integrazione scolastica. Ebbene, è stato detto che la questione è in fase di studio e che si aspetta l’indirizzo politico che solo l’esecutivo può dare. Praticamente siamo ancora all’anno zero, nonostante quello scolastico sia iniziato a settembre.

Cosa si aspetta per dar corso a quell’accordo verbale?  Cosa manca per tradurre in realtà le parole? Non è possibile andare avanti nell’improvvisazione. Non è questo che Brindisi ha scelto per il suo futuro, credendo di votare per un cambiamento.

Carmela Lo Martire (Brindisi Popolare)

LASCIA UN COMMENTO