BRINDISI – Riceviamo e pubblichiamo un intervento della Pro Loco Brindisi a seguito del nostro articolo, nel quale si parlava della esclusione della stessa Pro Loco brindisina dall’Albo Regionale delle pro loco Puglia:

Egregio Direttore,
con la presente teniamo a fare alcune precisazioni in merito all’articolo circa l’esclusione della nostra associazione dall’albo regionale delle pro loco di Puglia, per l’anno 2017. Confermiamo, purtroppo a nostro rammarico e per la prima volta, l’effettiva esclusione per il 2017, avvenuta per trasmissione in ritardo della documentazione a causa di imprevisti sorti durante il periodo di invio. Bisogna specificare anche che l’iscrizione è condizione per cui poter ricevere contributi regionali, ove però questi siano presenti nel bilancio regionale, come enunciato dalla L.R. n. 27/1990; d’altronde sarà possibile iscriversi per il 2018  inviando documentazione entro i primi 60 giorni dell’anno solare, come ci siamo già  prefissati di fare. Inoltre ci preme sottolineare che la mancata iscrizione in essere, non pregiudica lo svolgersi delle attività della nostra associazione (regolarmente iscritta, per il 2017, all’ Unpli-Unione nazionale Pro Loco d’Italia) nè la possibilità di recepire o partecipare a qualsiasi altra forma di finanziamento o bando regionale e non, per l’anno in essere, finalizzati allo svolgimento delle attività annuali. Attività che hanno, appunto, come unico fine quello  della promozione della nostra città, della sua cultura e tradizione, per cui ogni giorno i nostri volontari mettono a disposizione il loro impegno e dedizione, cercando di rappresentare al meglio la città, che ci siano o meno le fonti di finanziamento.
Cordialmente.

Pro Loco Brindisi

LASCIA UN COMMENTO