BRINDISI – Il sindacato Cobas ha incontrato nella tarda mattinata di oggi, l’assessore all’ecologia del Comune di Brindisi, Vito Carella, e l’ingegnere del settore ecologia, Gaetano Padula, per discutere sui due licenziamenti in tronco degli operai addetti al recupero gas-produzione di energia elettrica all’interno della discarica di Autigno.

“Il Sindacato Cobas – si nelle nella nota a firma di Roberto Aprile – ha sostenuto la necessità dell’intervento della Amministrazione Comunale sia per l’aspetto occupazionale che per quello ambientale che desta non poche preoccupazioni. La decisione presa nell’incontro di stamani è stata quella di convocare per domani mattina, Martedì 23 maggio, alle ore 12,00 al Comune di Brindisi le aziende Geoambiente / Elettrogas . Si incontreranno con l’Assessore Carella e l’ingegnere Padula per chiarimenti sulla situazione che si è venuta a determinare all’impianto di recupero del gas della discarica di Autigno. Impianto che non può essere assolutamente abbandonato a se stesso e che va comunque gestito con dei lavoratori; nonostante le difficoltà mostrate dalle aziende al recupero del gas dovuto alla forte presenza di percolato nella discarica,  con conseguente mancata produzione di  energia  elettrica. Successivamente la riunione sarà allargata alla presenza del Sindacato Cobas che chiederà il ritiro dei due licenziamenti, allo scopo di trovare le soluzioni migliori per evitarli definitivamente. Il Sindacato Cobas è fortemente preoccupato della situazione ambientale che si è venuta a creare nella intera zona attorno alla discarica di Autigno. Situazione che deve essere efficacemente contrastata per il bene dei cittadini dell’intera area, già pesantemente penalizzata nel corso di questi anni”.

LASCIA UN COMMENTO