Carlo e Vanna oggi sposi… multati!

Carlo e Vanna, un amore viscerale anche verso la loro-nostra amata terra, unica, Brindisi.

Giovanissimi approdano su altri colli perché la loro città non è in grado di offrirgli quanto meritano.

Mettono su casa, famiglia e tre splendidi figli ai quali spiegano ed insegnano cos’è l’attaccamento alle proprie radici, l’essere brindisino che va gridato forte, ovunque.

Completano il cerchio dell’amore sposandosi e decidono, questo è il brindisino, di farlo nella loro terra, la loro vera unica casa.

Conosciutissimi, grande partecipazione alla festa, baci, applausi, abbracci e lacrime di gioia.

Gli sposi arrivano in auto accompagnando l’anziana madre di lui, sofferente e disabile.

Per potersi recare presso il Tempietto di San Giovanni al Sepolcro, magnifico luogo della cerimonia – come tanti ne abbiamo noi di Brindisi –, l’unico punto ove possono fugacemente fermare la macchina è nei pressi di Piazza S. Teresa.

Qui, implacabile, giunge loro la cartolina di auguri: una bella multa per divieto di sosta!

Poco conta, al momento  – perché il merito sarà valutato in altre sedi – che l’auto fosse in momentanea fermata e non in sosta, poco conto che per un millesimo di secondo si sia tolto il sorriso alla sposa, quel che conta è che gli auguri veri gli sposi li abbiano ricevuti dai tantissimi presenti e non e che un atto di amore verso la propria terra valga, pure, una multa!!!

Avv. Maurizio Salerno

CONDIVIDI

1 COMMENTO

  1. Stanno facendo una strage solo per fare cassa quelle due signore o signorine che non hanno pietà neanche delle loro madri e sicuramente come premio al raggiungimento degli obiettivi rrichiesti dal comune come premio saranno spostate in ufficio.

LASCIA UN COMMENTO