Calcio, serie D: Brindisi – Bitonto 1 – 1 – di Giancarlo Errico

Potrei esordire dicendo Brindisi – Bitonto 1 a 1 e tutti a casa contenti, ma non è proprio così. Non perché il pareggio sia un risultato da buttar via, ma per quanto si è visto in campo nei novanta minuti di gioco. Un match alquanto noioso che ha visto prevalere il passo lento rispetto a uno più incalzante e coinvolgente. Il campo di gioco, inguardabile e ai limiti della regolarità, ha certamente contribuito a condizionare molto questa condotta di gara da parte di tutte e due le squadre, ma qualcosa di più da parte degli uomini di mister Ragno ce la saremmo aspettata. I bitontini escono da un periodo di depressione causata dal mancato accesso alla serie C, con relativo ritardo nell’allestire una formazione ambiziosa per affrontare degnamente la D, ma è pur sempre una squadra con allenatore e giocatori importanti per la categoria dalla quale ci si aspetta sempre quel “quid” in più. Da parte brindisina invece non c’è nulla da obiettare, tenendo sempre ben presente l’obiettivo stagionale, se non un po’ più d’incisività in attacco in considerazione del fatto che, a oggi, non si sono viste difese insuperabili. Un plauso convinto invece va fatto agli under biancazzurri che di domenica in domenica sfornano prestazioni importanti e decisive ai fini del risultato. L’allenatore del Bitonto, in conferenza prepartita, aveva messo in guardia i suoi sulle qualità e pericolosità dei vari Palumbo, Botta (4 punti con i suoi due ultimi gol), Boccadamo, Nives e tutti gli altri, ed è grazie soprattutto alla loro determinazione che il Brindisi è riuscito a recuperare un risultato, che le permette di continuare a muovere la classifica. L’allenatore De Luca sta dimostrando, con quel che ha, di avere le idee chiare su come ottenere quello che è il risultato atteso dalla società, ma soprattutto di avere la massima disponibilità al sacrificio da parte di tutto lo spogliatoio, e penso che questo non sia per nulla trascurabile. Domenica si va a Cerignola: che dite… Botta & C… gli si fa uno scherzo?

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO