Brindisi: custodiva la cocaina sul terrazzo, all’interno della canna fumaria in disuso, arrestato 53enne del luogo

BRINDISI – I Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Brindisi hanno tratto in arresto in flagranza di reato BAGNATO Maurizio 53enne, del luogo, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Nell’ambito dell’attività finalizzata alla prevenzione e repressione del grave fenomeno dello spaccio, è stata effettuata una perquisizione all’interno della sua abitazione. Nel momento in cui i militari operanti sono giunti sul pianerottolo dello stabile condominiale ove è ubicato l’appartamento dell’indagato, quest’ultimo è sopraggiunto in maniera frettolosa proveniente dalla rampa di scale da cui si accede al terrazzo. In particolare, alla vista dei Carabinieri ha evidenziato segni di nervosismo e di agitazione, pertanto i militari hanno intrapreso le operazioni di perquisizione partendo proprio dal terrazzo. All’interno di una canna fumaria in disuso, dopo aver sollevato il mattone posto a copertura, sono stati rinvenuti 2 involucri sigillati con della pellicola di colore bianco e con del nastro adesivo di colore nero, ciascuno del peso cadauno di 5,25 grammi di sostanza stupefacente tipo cocaina per un totale di 10,50 grammi, nonché altri 5 involucri sigillati con della pellicola di colore bianco e con del nastro adesivo di colore nero per un totale di 3,75 grammi, ed ancora 21 involucri sigillati con della pellicola di colore bianco e con del nastro adesivo di colore nero contenenti 9,87 grammi. Complessivamente sono stati rinvenuti 24,12 grammi di cocaina collocati in 28 involucri, nonché un bilancino elettronico digitale perfettamente funzionante. La perquisizione è stata effettuata all’interno dell’abitazione dove in uno sgabuzzino, è stato rinvenuto un rotolo di nastro adesivo di colore nero, analogo a quello utilizzato per il confezionamento dello stupefacente.

L’arrestato espletate le formalità di rito è stato condotto nella sua abitazione in regime di arresti domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO