Botta e risposta tra Alparone e Ferrarese sulla vicenda palasport

palazzetto

BRINDISI – Era prevedibile che l’intervento di Massimo Ferrarese sulla vicenda dell’ampliamento del PalaPentassuglia avrebbe fatto discutere, e così è stato. Tanti i commenti lasciati sulla pagina facebook del Presidente di Invimit, tra i quali spicca quello del consigliere del M5S, Stefano Alparone, che ha così risposto alle dichiarazioni di Ferrarese sulla necessità di reperire risorse da privati o, in subordine, di provvedere attraverso fondi dell’Amministrazione comunale.

Questo il primo commento di Alparone: “I fondi del Comune? Forse le sfugge che la maggioranza che lei sostiene ha approvato un piano triennale per le opere pubbliche che non prevede un euro di investimento da parte del Comune lasciando tutto a fantomatici investimenti privati. Sono curioso di sapere da dove dovrebbero provenire i fondi pubblici da quali capitoli di bilancio…”

In effetti, il dubbio espresso dal consigliere grillino rispetto alla difficoltà di ricavare tali somme (4 mln di euro circa) dal disastrato bilancio comunale è legittimo. Se davvero l’Amministrazione comunale dovesse avere la volontà e la possibilità di stanziare fondi comunali, potrebbe comunque procedere attraverso una variazione di bilancio; il mancato inserimento dell’ampliamento della struttura nel piano triennale delle opere pubbliche, infatti, non è limitante in tal senso.

Pronta ed inaspettata è arrivata poco dopo la risposta dell’imprenditore francavillese: “Normalmente non ho tempo per rispondere ai commenti ma oggi è domenica e lo faccio con piacere.
Vede, il mio movimento sostiene una maggioranza che, a differenza di quella che sostiene il suo movimento a Roma (dove il sindaco Raggi, per paura di non poterle gestire, ha deciso addirittura di non far disputare le straordinarie Olimpiadi), viste le ultime disposizioni della fip, si sta dando da fare per tentare di risolvere il problema del palasport.
E, sempre a differenza di ciò che pensa lei, io credo che stiano facendo benissimo a valutare l’interesse di investitori privati. Solo dopo aver percorso questa strada si potrà decidere cosa fare per reperire i fondi necessari per l’ampliamento del palasport. In quel caso le dico che per quanto mi riguarda vanno reperiti.
Questi erano i minuti che avevo a disposizione di domenica”.

L’ultima parola è spettata ancora ad Alparone: “Vedo che è ossessionato da Roma che, invece, ha fatto benissimo a mettere il veto sulle olimpiadi, rinuncia che ha riguardato altre importanti città nel mondo. Chiusa questa digressione su Roma e rimanendo su Brindisi, città nella quale vivo e per la quale mi onoro di essere Consigliere, ho il dovere di sottolineare le incongruenze della sua Sindaca che, al netto di tutte le altre problematiche, che non sta minimamente affrontando, dovrebbe essere più chiara sul modo in cui crede di attrarre investimenti privati. Tornando invece al mio commento di prima, che lei ha abilmente ignorato rispondendo non nel merito ma da politico navigato, ancora non mi ha spiegato la sua dichiarazione su eventuali fondi pubblici, attendo di conoscere da quali capitoli di spesa si pensa di prendere i soldi se non dovessero essere trovati fondi privati. In attesa di una risposta nel merito e non di inutili quanto sterili illazioni le auguro una buona serata”.

Di certo non si faranno attendere ulteriori reazioni…

LASCIA UN COMMENTO