Assalto al portavalori, banditi in fuga con almeno 3 milioni di euro

Un commando armato, composto da almeno dieci persone, ha orchestrato con estrema precisione un assalto a un furgone portavalori sulla strada statale Brindisi – Lecce, in direzione Lecce, all’altezza dello svincolo per Torchiarolo. Il veicolo, che trasportava denaro destinato a una banca di Lecce, era scortato da un altro blindato con due guardie giurate a bordo, mentre sul portavalori viaggiavano tre vigilantes.

Prima di passare all’azione, i rapinatori hanno incendiato almeno sette veicoli, bloccando così la strada alle forze dell’ordine e assicurandosi una via di fuga. Hanno poi esploso diversi colpi di fucile mitragliatore a scopo intimidatorio. Nonostante la sparatoria, le guardie giurate sono rimaste illese.

Successivamente, i criminali hanno sollevato il furgone con un crick, piazzandovi sotto un ordigno esplosivo che è stato fatto detonare. L’esplosione ha distrutto molte banconote, ma il bottino complessivo ammonta comunque a circa 3 milioni di euro. Alcune banconote sono state ritrovate più tardi lungo la strada e nelle campagne vicine.

Dopo il colpo, il commando si è dato alla fuga. Sul luogo sono intervenute squadre di polizia, finanza e carabinieri, con questi ultimi a capo delle indagini. Le guardie giurate sono state interrogate nella caserma di San Pietro Vernotico.

La statale è rimasta chiusa per un lungo periodo per consentire la rimozione dei veicoli bruciati, causando gravi rallentamenti in entrambe le direzioni. Nel frattempo, la Scientifica ha effettuato i rilievi, repertando numerosi bossoli, anche di tipo militare, sparsi sull’asfalto. È evidente che l’operazione è stata condotta da un commando altamente organizzato, che non ha lasciato nulla al caso.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO